Online-Shop Registrazione rapida
Top

299.1.006 / V9

3 Modello a livelli Nussbaum

Il modello a livelli della Nussbaum illustra i tre fattori d’influenza che devono essere tenuti in considerazione per la progettazione, la realizzazione e la manutenzione ordinaria di impianti di acqua potabile. Questi fattori d’influenza sono interconnessi e devono essere messi in relazione gli uni con gli altri nell’ambito di un sistema globale.

  • Materiali
    Per un limitato apporto di nutrienti sono determinanti sia i materiali impiegati sia procedure di lavoro corrette, dall’installazione fino alla manutenzione dell’impianto.

  • Mantenimento della temperatura
    Devono essere evitate temperature dell’acqua nell’intervallo critico per la contaminazione da germi. A tale scopo deve essere garantita la separazione termica delle condutture di distribuzione dell’acqua calda e dell’acqua fredda.

  • Ristagno
    Non è possibile evitare completamente i ristagni nel sistema di distribuzione dell’acqua potabile. Tuttavia, un dimensionamento ottimale e la garanzia di un corretto funzionamento riducono notevolmente il rischio di ristagno.

3.1 Panoramica

La soluzione della Nussbaum si fonda sul modello a livelli attribuendo rilevanza a determinati fattori critici in differenti punti dell’impianto. Sono riassunti qui di seguito:

Allacciamento domestico

Focus: materiali

Evitare una contaminazione iniziale:

  • Effettuare una prova di pressione a secco durante la fase di costruzione.

  • Per l’acqua di cantiere utilizzare una copertura per flangia (12091) in combinazione con un rubinetto da giardino.

  • Prima di effettuare il primo riempimento lavare la conduttura di raccordo attraverso la copertura per flangia.

  • Riempire l’impianto con acqua pulita.

Centrale idrica domestica e tratto montante

Focus: materiali

Utilizzare acciaio inossidabile per non influenzare negativamente l’acqua potabile:

  • Utilizzare l’acciaio inossidabile per ridurre al minimo l’apporto di nutrienti. Questa raccomandazione si riferisce alle condutture montanti e, laddove possibile, anche alla conduttura di circolazione.

Focus: temperatura

Assicurare il mantenimento della temperatura mediante separazione termica:

  • Installare i componenti della centrale idrica domestica in un ambiente fresco.

  • Nel tratto montante prevedere una separazione termica dei vani tecnici.

  • Nella zona di collegamento al piano montare una scatola sotto muro per garantire una separazione termica ottimale.

Piano

Focus: niente ristagni

Impianto a punto di presa singolo con regola dei 9 metri per permettere lo scarico dell’acqua stagnante in 5 secondi:

  • Prevedere condutture di dimensioni ottimali nell’impianto a punto di presa singolo per permettere uno scarico rapido dell’acqua stagnante (al massimo 5 secondi).

  • La scelta di un impianto a punto di presa singolo consente inoltre di evitare un’influenza termica reciproca, in particolare in corrispondenza dei rubinetti terminali (ultimo metro critico).

3.2 Vantaggi

Il modello a livelli tiene conto in modo ottimale dei fattori d’influenza centrali dell’igiene dell’acqua potabile nei punti opportuni dell’impianto. Ciò apporta i seguenti vantaggi:

  • Sicurezza:
    L’acqua potabile non subisce influenze negative dopo l’entrata nell’abitazione e arriva all’utente nella migliore qualità.

  • Economicità:
    L’impianto è efficiente sul piano dei materiali. È possibile evitare l’impiego di sistemi di lavaggio. La messa in servizio e la manutenzione richiedono una spesa ridotta. In caso di esercizio conforme alle disposizioni non è necessario adottare successive misure di contrasto ai batteri.

  • Comfort:
    L’acqua potabile può essere bevuta fresca dal rubinetto. Si evitano variazioni della pressione, della portata e della temperatura.