Online-Shop Registrazione rapida

Scheda tecnica - Gruppo e stazione per riempimento del riscaldamento

299.1.032 / V3

1 Dati tecnici

1.1 Costruzione e materiali del gruppo per riempimento del riscaldamento

1

Corpo

Bronzo CC246E

2

Cartuccia per riduttore di pressione

Vari

3

Manometro

Vari

4

Valvola di ritegno

Materiale sintetico

5

Cartuccia per valvola di ritegno

Materiale sintetico

6

Parte intermedia

Materiale sintetico

7

Filtro a maglia grossa

Acciaio inossidabile

8

Elemento di collegamento

Bronzo CC246E

9

Bocchettone di scarico ventilato

Materiale sintetico

1.2 Informazioni tecniche

Gruppo per riempimento del riscaldamento
15092

Stazione per riempimento del riscaldamento
15095

Medio

Acqua

Pressione nominale

PN 10

Pressione d’esercizio min.

[bar]

2.5

Pressione d’esercizio max.

[bar]

10

6

Campo di regolazione pressione secondaria

[bar]

1…5

(impostazione di fabbrica: 2)

Temperatura d’esercizio

[°C]

30 °C

Portata (passaggio regolare)

m³/h

0.5

1.2.1 Portata di scarico max. alla valvola di scarico del gruppo per riempimento del riscaldamento

Dimensione raccordo

Pressione d’esercizio

Portata di scarico

[pollici]

[bar]

[m³/h]

¾

10

10

Compra ora

1.3 Caratteristiche particolari della stazione per riempimento del riscaldamento

La stazione per riempimento del riscaldamento presenta le seguenti caratteristiche:

  • Controllo digitale di capacità con misurazione integrata della conducibilità per visualizzazione del valore residuo delle cartucce

  • Chiusura lato uscita

  • Fissaggio murale per il montaggio

1.4 Requisiti e capacità di riempimento

1.4.1 Prescrizioni della direttiva SITC BT102-01

Per il trattamento dell’acqua di riempimento in conformità alla direttiva SITC BT102-01 vanno rispettati tassativamente i valori seguenti:

  • Durezza complessiva < 1 °fH

  • Conducibilità < 100 μS

  • Valore pH da 6.0 a 8.5

È possibile raggiungere tali valori solo con la demineralizzazione totale.

1.4.2 Quantità di acqua nell’impianto di riscaldamento

Per calcolare la quantità di acqua vanno considerati i seguenti valori:

Valore

Definizione

VA

Quantità complessiva di acqua nell’impianto di riscaldamento (generatore di calore + distribuzione nell’edificio + superfici riscaldanti) che contribuisce all’espansione del volume, riferita alla potenza della superficie riscaldante installata.

tmax

Temperatura massima di sistema. Temperatura massima per il calcolo dell’espansione del volume. La temperatura di mandata di progetto alla quale l’impianto di riscaldamento deve funzionare in presenza della temperatura esterna minima prevedibile.

tR

Temperatura di ritorno dell’impianto di riscaldamento in presenza della temperatura esterna minima prevedibile.

La tabella sottostante fornisce una panoramica sul valore VA in diversi tipi di riscaldamento e temperature di sistema.

Tipo di riscaldamento

tmax | tR [°C]

90 | 70

80 | 60

70 | 55

70 | 50

60 | 40

50 | 40

40 | 30

35 | 28

VA [l/kW]

Radiatori

14.0

16.5

20.1

20.6

27.9

36.6

Piastre riscaldanti

9.0

10.1

11.9

11.9

15.1

20.1

Convettori

6.5

7.0

7.9

7.9

9.6

13.4

Ventilazione

5.8

6.1

6.6

6.6

7.6

10.8

Riscaldamento a pavimento

10.3

11.4

13.1

13.1

15.8

20.3

29.1

37.8

Se la potenza termica massima è nota si può calcolare la quantità complessiva di acqua:

quantità complessiva di acqua = potenza termica massima × VA

La tabella seguente mostra l’esempio di un’abitazione unifamiliare tipica.

Tipo di edificio

Potenza termica

Quantità complessiva di acqua

Radiatori

Riscaldamento a pavimento

Abitazione unifamiliare nuova costruzione

da 4 a 5 kW

5 kW × 38 l/kW = 190 l

Abitazione unifamiliare

da 7 a 10 kW

10 kW × 37 l/kW = 370 l

1.4.3 Capacità della cartuccia

Il diagramma sottostante mostra la quantità di acqua addolcita che si può produrre con una cartuccia da 4 litri (15096) in funzione della durezza dell’acqua grezza.

Esempio: Olten presenta una durezza dell’acqua di 35 °fH. Una cartuccia da 4 litri ha, a 35 °fH, una capacità di ca. 270 litri.

Conclusioni: Nell’80 % dei casi, con la stazione per riempimento del riscaldamento 15095 è possibile effettuare il primo riempimento per un’abitazione unifamiliare standard. Per il primo riempimento di abitazioni unifamiliari e plurifamiliari più grandi è necessario utilizzare un impianto mobile.

1.5 Esempio di montaggio

Se un impianto di riscaldamento viene collegato direttamente alla rete idrica in modo fisso occorre utilizzare un disgiuntore di rete CA (si veda il foglio d’istruzioni TPW «Riempimento del riscaldamento e rifornimento» della SSIGA). Questa funzione viene assolta dal gruppo per riempimento del riscaldamento Nussbaum (15092), dai disgiuntori di rete, dal riduttore di pressione e dal manometro assemblati in gruppo.

Lo schema seguente mostra una tipica situazione d’installazione con gruppo per riempimento del riscaldamento (15092.04), stazione per riempimento del riscaldamento (15095.04), valvole d’arresto (23100.04) e relativi raccordi (92001.24, 15097.04).

1.6 Requisiti di montaggio

Per il montaggio devono essere rispettati i seguenti requisiti e limitazioni:

  • Valgono le disposizioni della direttiva W3 della SSIGA.

  • Per il raccordo diretto dell'impianto di riscaldamanto alla rete di approvvigionamento idrico va osservato il foglio d’istruzioni TPW «Heizungsfüllung und Nachfüllung» della SSIGA. La SSIGA raccomanda un’alimentazione controllata (non permanente) dell’impianto di riscaldamento.

  • Per l’installazione fissa della stazione per riempimento del riscaldamento con gruppo per riempimento del riscaldamento occorrono condizioni ambientali idonee:

    • Nessun pericolo di allagamento

    • Buona ventilazione, atmosfera non contaminata

    • Protezione da temperature elevate e gelo

  • La conduttura di scarico deve poter accogliere la massima portata di scarico possibile.

  • Installare una valvola d’arresto a monte e a valle del gruppo per riempimento del riscaldamento.

  • Il gruppo per riempimento del riscaldamento è dotato di un disgiuntore di rete di tipo CA ed è soggetto a controllo e manutenzione ai sensi della direttiva W3/E2 della SSIGA. Negli interventi di manutenzione, l’incorporato filtro a maglia grossa va lavato con acqua fredda.